Notice: Undefined index: status in /web/htdocs/www.porto626.it/home/wp-content/plugins/cookie-notice/cookie-notice.php on line 293

Notice: Undefined index: subscription in /web/htdocs/www.porto626.it/home/wp-content/plugins/cookie-notice/cookie-notice.php on line 296
Incidenti stradali e temperature estreme – Certificazione Sicurezza, Qualità e Ambiente per Aziende

Incidenti stradali e temperature estreme

Nonostante la rilevanza degli incidenti stradali e il loro impatto sui costi sociali e sanitari, gli effetti delle temperature estreme sul rischio di incidenti stradali sono stati scarsamente studiati, in particolare per quelli che si verificano in attività professionali.

La ricerca, appena pubblicata sulla rivista scientifica internazionale, analizza l’associazione tra incidenti stradali di origine occupazionale e non, e le temperature estreme.

I ricercatori hanno utilizzato dati nazionali, derivati dagli archivi dei due Istituti, per individuare le caratteristiche significativamente più rischiose

Le lesioni provocate dagli incidenti stradali rappresentano un rilevante problema di salute pubblica e sociale. L’Organizzazione mondiale della sanità ha individuato che nel mondo gli incidenti stradali hanno provocato circa 1,3 milioni di morti e tra 20 e 50 milioni di lesioni. In Italia l’Istat ha registrato nel 2019 circa 170mila incidenti che hanno provocato più di 3mila morti e 240mila feriti.

Molti di questi incidenti hanno anche un’origine occupazionale. Secondo i dati Inail gli incidenti stradali di origine occupazionale rappresentano circa il 14% di tutti gli infortuni sul lavoro, di cui l’11% avviene nel trasferimento da casa al lavoro (in itinere).

dati degli incidenti stradali utilizzati nello studio. Sono stati utilizzati i dati di incidenti stradali forniti da Istat per quanto riguarda quelli indistinti, e i dati Inail per quelli di natura occupazionale.

I dati Istat forniscono alcune caratteristiche dell’incidente, come data e luogo, natura (scontro, tamponamento ecc.), tipo del veicolo (auto, motociclo ecc.), tipo di strada, intersezione, oltre alle coordinate geografiche del luogo dell’incidente.

I dati Inail, desunte dalle richieste di indennizzo, riportano, invece, oltre alla data, al luogo, all’età e sesso del soggetto coinvolto, il comune di accadimento, se in itinere o non, il settore economico, le conseguenze dell’incidente (lesione, giorni indennizzo, grado di menomazione).

I dati di esposizione alle temperature estreme. Essendo lo studio a carattere nazionale, non era possibile per ogni incidente ottenere dati da stazioni meteorologiche prossime al luogo dell’evento. È stato quindi utilizzato un modello meteorologico avanzato in grado di fornire stime molto attendibili di temperatura e pioggia con una precisione di 5 km su tutto il territorio nazionale su base giornaliera.

Questi dati sono stati associati con il luogo e giorno dell’incidente indistinto (dati Istat), e con il comune e il giorno dell’incidente per quelli di natura occupazionale (dati Inail).

I rischi individuati e loro differenziazione tra caratteristiche incidentali ed occupazionali. La ricerca ha individuato per entrambi gli archivi un’associazione positiva tra incidenti stradali e caldo estremo, con un incremento di rischio tra il 6 e il 12%. Gli incidenti di natura occupazionale sono stati anche associati con il freddo estremo.

L’analisi stratificata per gli incidenti indistinti ha mostrato un maggiore rischio per i pedoni, per gli incidenti con i motocicli e per quelli avvenuti fuori dalle aree urbane in condizioni di caldo estremo, mentre durante il freddo intenso si individuano condizioni di protezione per i motociclisti e i ciclisti, ma un maggiore rischio per i mezzi pesanti.

L’analisi stratificata degli incidenti occupazionali evidenzia, invece, un maggiore rischio per i maschi rispetto alle femmine, e per quelli occorsi in occasione di lavoro rispetto a quelli in itinere, in condizioni di caldo estremo.

Durante il freddo estremo i soggetti che lavorano nei settori economici esposti, come trasporti, commercio, alloggio e servizi di catering, sono risultati a maggiore rischio, così come per gli incidenti occorsi in itinere.

Un ruolo con le estreme temperature è stato anche rilevato per i giorni di indennizzo e il grado di menomazione conseguente all’incidente.

Tutti questi risultati dipendono ovviamente dall’intensità e dalla durata dell’esposizione.

LINK al sito science direct

Analisi delle serie temporali
Analisi del case-crossover
Infortuni sul lavoro
Pendolarismo
Modello meteorologico
Analisi del rischio

L’articolo Incidenti stradali e temperature estreme proviene da Portale Consulenti Sicurezza qualità ambiente bandi.

Powered by WPeMatico